Crea sito

Utilizzo e proprietà curative della pianta

La medicina popolare utilizzava questa pianta con Infuso o Tintura vinosa,per uso interno, come diuretico, antiurico, depurativo.
Per le pelli arrossate si usavano i frutti in Decotto.

In fitoterapia viene utilizzato nel trattamento della gotta,ritenzione idrica,iperuricemia Dai frutti è possibile ricavarne anche un'ottima marmellata.

Contiene acido citrico, mucillagini, tannini, principi amari.
Dell'Alkekengi si utilizzano i frutti secchi.Il frutto fresco va consumato con moderazione.Contiene una grandissima quantità di vitamina C, acido citrico, tannino e zucchero.
I frutti si raccolgono alla maturazione, in agosto -settembre, e si privandolo del calice e del peduncolo.


Osservazioni e Curiosità

¹ La direttiva del Ministero della Salute (dicembre 2010), consente di inserire negli integratori alimentari le sostanze e gli estratti vegetali di questa pianta in particolare cita fructus.

² Ritratto di Carl von Linné (Linneo)
Il primo a descrivere e a classificare la specie fu Carl von Linné (Linneo),il padre della moderna classificazione biologica e scientifica degli organismi viventi, così come la conosciamo oggi.

Proprietà medicinali della pianta

Le proprietà di questa pianta sono
diuretiche
depurative
antiuriche
antireumatiche
antinfiammatorio

Descrizione Botanica e profilo pianta

Il Physalis alkekengi,o Alkekengi, è una pianta originaria dell'Asia e dell'Europa.Appartiene alla famiglia delle SOLANACEAE,come il pomodoro e la patata.
È una pianta perenne facilmente riconoscibile per i calici arancioni simili a dei piccoli lampioni. I fiori sono bianchi, piccoli e a forma di campanella, spuntano dall'ascella delle foglie.

Habitat

Questa pianta è particolarmente diffusa nel settentrione d'Italia e viene comunemente coltivata nei giardini al puro scopo ornamentale.

Nomi comuni

Lanterna cinese
Alchechengio

Sinonimi botanici

Physalis franchetii Mast.
Physalisis latifolia

Tassonomia biologica e Sistematica
Classificazione

Regno: Plantae
Divisione: Magnoliophyta
Classe: Magnoliopsida
Ordine: Solanales
Famiglia: Solanaceae
Genere: Physalis
Specie: Physalis alkekengi

Origine e appartenenza Biologica
Sistema Raunkiaer

Forma biologica: T - scap (Terofita scaposa):
Terofite (simbolo T),cioè sono quelle piante erbacee annauli che superano la stagione avversa sotto forma di seme.

Scaposa (simbolo Scap):sono quelle piante con fusto eretto il più delle volte privo di foglie.

Distribuzione geografica

Fitogeografia corologica: Avventizie :
sono piante che sono state introdotte da altre regioni,dall'uomo, che si diffondono comportandosi come piante indigene con le quali entrano in competizione.




ATTENZIONE !!
Usate sempre con cautela e solo su prescrizione e controllo del medico o dell’erborista.
Le proprietà e le indicazioni erboristiche delle piante sono riportate a solo titolo indicativo,e non costituiscono nessun tipo di consulto,prescrizione o ricetta medica.
Erbe.altervista.org non garantisce sulla validità dei contenuti qui riportati.
La vostra verifica indipendente è sempre raccomandata.

(1)Questi dati sono riportati a puro scopo informativo, non vengono aggiornati e possono cambiare e subire variazioni nel tempo.
(2)Pubblico dominio