Crea sito

Utilizzo e proprietà curative della pianta

Nei rimedi Omeopatici viene utilizzata la corteccia della radice per trattare il catarro,insufficenza epatica,eruzioni cutanee, eczemi,verruche,psoriasi,dolori reumatici.

La Berberis vulgaris contiene destrosio, levulosio, pectoso,acido malico,acido tartarico, acido citrico, gomma, pectine e la berberina, un alcaloide vegetale che risulta,da diversi studi scientifici effettuati,utile nella riduzione dei trigliceridi e coloesterolo.
Sempre dalla berberina si estraeva,in passato, un colorante giallo.
I frutti hanno un buon contenuto di vitamina C.,e hanno proprietà astringenti, antidiarroiche,antisettiche.

I frutti venivano usati dagli antichi Egizi contro la febbre.
In cucina si usano i frutti per preparare marmellate e sciroppi. Si usano le radici,la corteccia,le foglie e i frutti.


Osservazioni e Curiosità

¹ La direttiva del Ministero della Salute (Dicembre 2010) consente di inserire negli integratori alimentari le sostanze e gli estratti vegetali di questa pianta,in particolare cita radix, herba, folium.

Riferimento per gli effetti : radix, herba, folium,per le naturali difese dell'organismo. Azione emolliente e lenitiva: regolare funzionalità del sistema digerente. Azione di sostegno e ricostituente.

² Ritratto di Carl von Linné (Linneo)
Il primo a descrivere e a classificare la specie fu Carl von Linné (Linneo),il padre della moderna classificazione biologica e scientifica degli organismi viventi, così come la conosciamo oggi.

Proprietà medicinali della pianta

Le proprietà di questa pianta sono
amaricanti
toniche
astringenti
febbrifughe
depurative
diuretiche
ipotensive

Descrizione Botanica e profilo pianta

La Berberis vulgaris è un'arbusto sempreverde che può raggiungere anche i tre metri di altezza.
Le foglie,di colore verde,sono alterne,decidue e ovali,leggermente picciolate,dentate e presentano delle ciglia spinose ai bordi.
I fiori sono ermafroditi di colore giallo verdi disposti in grappoli penduli.Hanno un odore poco gradevole.
I frutti sono delle bacche di colore rosso e forma ovoidale.Il loro sapore è piuttosto acidulo.
Appartiene alla famiglia delle Berberidaceae.

Habitat

Questa specie è molto variabile e cresce spontaneo nei boschi,tra le siepi e lungo le strade.
Il Berberis vulgaris è originario dell'America meridionale e dell'Africa settentrionale.

Tassonomia biologica e Sistematica
Classificazione scientifica

Regno: Plantae
Divisione: Magnoliophyta
Classe: Magnoliopsida
Ordine: Ranunculales
Famiglia: Berberidaceae
Genere: Berberis
Specie: Berberis vulgaris

Origine e appartenenza Biologica
Sistema Raunkiaer

Forma biologica:NP (Nano-fanerofita) :
sono le Fanerofite (simbolo P),piante legnose con gemme svernanti poste a più di 30 cm dal suolo.In particolare le Nano-fanerofita hanno le gemme poste anche a due metri di altezza.

Distribuzione geografica

Fitogeografia corologica: Euro - asiatiche :
sono piante con areale che si estende dall'Europa all'Asia.




ATTENZIONE !!
Usate sempre con cautela e solo su prescrizione e controllo del medico o dell’erborista.
Le proprietà e le indicazioni erboristiche delle piante sono riportate a solo titolo indicativo,e non costituiscono nessun tipo di consulto,prescrizione o ricetta medica.
Erbe.altervista.org non garantisce sulla validità dei contenuti qui riportati.
La vostra verifica indipendente è sempre raccomandata.

(1)Questi dati sono riportati a puro scopo informativo, non vengono aggiornati e possono cambiare e subire variazioni nel tempo.
(2)Pubblico dominio