Crea sito

Utilizzo e proprietà curative della pianta

La medicina popolare la usava per trattare bruciature e scottature.Internamente per trattare problemi allo stomaco, itterizia,ulecere,nel trattarmento della gastrite,contro la febbre e i reumatismi.

Pianta impiegata per produrre preparati ad uso esterno, topico o che rientrano in formulazioni più complesse per detergere e per l'igiene della persona. I fiori vengono utilizzati anche in campo erboristico per la preparazione di tisane.

Contiene i seguenti principi attivi caroteni, olio essenziale, mucillagini, resine.

I fiori si usano in Infuso o Tintura
per favorire le mesturazioni femminili e per attenuare i dolori addominali.

I fiori o le sommità fiorite e le foglie in Decotto,Tintura,polpa:
contro il rossore della pelle e per le scottature.

Per uso cosmetico si utilizzano i fiori infusi nell'acqua molto calda del bagno.Esercita un effetto addolcente, decongestionante ed idratante.
L'Olio essenzialedi Calendula è di enorme aiuto per la nostra pelle contro le irritazioni cutanee,le scottature solari o da freddo, arrossamenti contusioni e ferite.

In omeopatia viene utilizzata la tintura madre ricavata dalle foglie e dai fiori nel trattamento di ferite infette o lacero contuse,febbre causate da un trauma,fratture esposte,fistole rettali,ascessi,mesturazioni troppo abbondanti,tumori del seno e dell’utero,irritabilità,nervosismo,ansia ipocondrica,sensibilità al freddo.

Principi attivi

Questa pianta contiene flavonoidi,polisaccaridi,terpenoidi,olio essenziale,calendulina,acidi organici,steroli,resine.


Osservazioni e Curiosità

¹ La direttiva del Ministero della Salute (dicembre 2010), consente di inserire negli integratori alimentari le sostanze e gli estratti vegetali di questa pianta in particolare cita capitula, ligula, herba.

Riferimento per gli effetti : capitula, ligula,per l'azione emolliente e lenitiva: funzionalità del mucosa orofaringea e tono della voce. Contrasto dei disturbi del ciclo mestruale. Funzionalità del sistema digerente Trofismo e funzionalità della pelle.

Il nome Calendula officinalis deriva dal latino Calendae,e sta a indicare la prolungata fioritura nell'arco dell'anno e indica anche che fiorisce il primo giorno di ogni mese.

Sono state confermate da studi clinici le sue proprietà immunostimolanti,antinfiammatorie
cicatrizzanti,disinfettanti.

Può causare reazioni allergiche.

² Ritratto di Carl von Linné (Linneo)
Il primo a descrivere e a classificare la specie fu Carl von Linné (Linneo),il padre della moderna classificazione biologica e scientifica degli organismi viventi, così come la conosciamo oggi.

Nel linguaggio dei fiori simboleggia la fedeltà.
In Cina è considerata il fiore della longevità.

Proprietà medicinali

Le proprietà di questa pianta sono
antinfiammatorie
emmenogoghe
antispasmodiche
diaforetiche
antisettiche
cicatrizzanti
emollienti

Descrizione Botanica e profilo pianta

La Calendula officinalis è una pianta erbacea annuale o perenne,glandolosa-pubescente con portamento eretto.È una specie polimorfa, con portamento ramificato, fusti striati, robusti, vellutati, alti dai30 ai 60 cm.
La Calendula officinalis ha foglie alterne e sessili, acute o arrotondate, più o meno pubescenti, le inferiori sono disposte a rosetta, le superiori più lanceolate.
I fiori sono di colore gialli o giallo-arancio e sono raccolti in capolini,e ogni pianta ne può produrre da 20 a 50. I frutti sono degli acheni curvi, tozzi e spinosi. Appartiene alla famiglia delle Asteraceae.

Habitat

Questa pianta vegeta spontanea in tutta la fascia mediterranea,nei terreni incolti,bordi stradali ,nei campi,formando vere e proprie colonie.Viene anche coltivata come pianta officinale,ornamentale e da giardino.

Nomi comuni

Fiorrancio coltivato
Calendula

Sinonimi botanici

Caltha officinalis Moench.
Calendula arvensis L.

Tassonomia biologica e Sistematica
Classificazione

Regno: Plantae
Divisione: Magnoliophyta
Classe: Magnoliopsida
Ordine: Asterales
Famiglia: Asteraceae
Genere: Calendula
Specie: Calendula officinalis

Origine e appartenenza Biologica
Sistema Raunkiaer

Forma biologica: T - scap
(Terofita scaposa):
Terofite (simbolo T),cioè sono quelle piante erbacee annauli che superano la stagione avversa sotto forma di seme.

Scaposa (simbolo Scap):sono quelle piante con fusto eretto il più delle volte privo di foglie.

Distribuzione geografica

Fitogeografia corologica:Euro - Mediterranee :
piante con areale sulle coste mediterranee, ma può anche estendersi sia verso nord che verso est.




ATTENZIONE !!
Usate sempre con cautela e solo su prescrizione e controllo del medico o dell’erborista.
Le proprietà e le indicazioni erboristiche delle piante sono riportate a solo titolo indicativo,e non costituiscono nessun tipo di consulto,prescrizione o ricetta medica.
Erbe.altervista.org non garantisce sulla validità dei contenuti qui riportati.
La vostra verifica indipendente è sempre raccomandata.

(1)Questi dati sono riportati a puro scopo informativo, non vengono aggiornati e possono cambiare e subire variazioni nel tempo.
(2)Pubblico dominio