Crea sito

Utilizzo e proprietà curative
Ginkgo biloba

Le foglie e i semi vengono utilizzati nella medicina cinese per curare le malattie polmonari.
Dalle sue foglie si ottiene un estratto dalle molte funzioni benefiche sia sulla parte psicologica, che su quella fisica dell'individuo.Avrebbero anche un'azione vasodilatatrice con attività sulle funzioni cerebrovascolari e vengono utilizzate per combattere la malattia di Alzheimer.

Le foglie attuano un'azione di regolazione sulla circolazione e di opposizione ai radicali liberi rallentando i fenomeni di ossidazione.Per uso esterno vengono utilizzate le foglie,da cui si ricava dopo bollitura,una poltiglia da usarsi nel trattamento dei geloni.

I frutti se ingeriti possono provocare infiammazzioni delle mucose,e possono provocare cefalea,vomito,dermatiti e diarrea.



Osservazioni e Curiosità

¹ La direttiva del Ministero della Salute (dicembre 2010), consente di inserire negli integratori alimentari le sostanze e gli estratti vegetali di questa pianta,in particolare cita folium, gemma.
Riferimento per gli effetti : folium,Antiossidante. Memoria e funzioni cognitive.Normale circolazione del sangue. Funzionalità del microcircolo.

Con la seguente AVVERTENZA SUPPLEMENTARE:
Se si stanno assumendo farmaci anticoagulanti o antiaggreganti piastrinici, consultare il medico prima di assumere il prodotto. Si sconsiglia l'uso del prodotto in gravidanza e durante l'allattamento.

² Ritratto di Carl von Linné (Linneo)
Il primo a descrivere e a classificare la specie fu Carl von Linné (Linneo),il padre della moderna classificazione biologica e scientifica degli organismi viventi, così come la conosciamo oggi.


Proprietà medicinali
Ginkgo biloba

Le proprietà di questa pianta sono
antinfiammatorio
antiallergiche
antivirali
antispasmodiche
vasodilatatore


Descrizione Botanica e profilo pianta

Il Ginkgo biloba è l'unico genere sopravvissuto a una classe di piante primitive che risalgono a circa 200 milioni di anni fa. I suoi antenati più prossimi sono il Ginkgo Digitata, G. Huttoni,e il Ginkgo Primordialis.
È,praticamente,un fossile vivente.

Ha foglie a forma di ventaglio spesso dentate con numerose nervature di colore verde chiaro e di un bel giallo brillante in autunno.
I frutti sono carnosi,simili a prugne di colore giallo verdi,a maturità sono arancio marrone.
È una pianta arborea e dioica ,che può raggiunge un'altezza di 30-40 m.

È un albero originario della Cina,unico appartenente alla famiglia delle Ginkgoaceae.

Il Ginkgo biloba è una Conifera e come tale ha il seme nudo,non racchiuso in un ovario.Le Conifere sono classificate come Gimmosperme. Sono piante arboree con fusto eretto molto ramificato.Le foglie sono aghiformi e i frutti sono conici. La loro origine risale ad oltre 350 milioni di anni fa. Le Gimmoperme sono piante vascolari senza fiori.
Sono piante vascolari in cui il seme non è protetto da da un ovario,con fusto eretto molto ramificato.Le foglie sono aghiformi e i frutti sono conici. La loro origine risale ad oltre 350 milioni di anni fa.

Il nome Gimmosperme deriva dal greco spermos,che significa seme,e da gymnós, che significa nudo


Habitat

Pianta coltivata per secoli dai Monaci cinesi.Predilige posizioni soleggiate e sopporta molto bene temperature rigide.Facile da individuare anche in parchi e giardini.

Sinonimi botanici

Salisburia adiantifolia
Pterophyllus salisburiensis



Tassonomia biologica e Sistematica
Classificazione scientifica

Regno: Plantae
Divisione: Ginkgophyta
Classe: Ginkgoopsida
Ordine: Ginkgoales
Famiglia: Ginkgoaceae
Genere: Ginkgo
Specie: Ginkgo biloba

Origine e appartenenza Biologica
Sistema Raunkiaer

Forma biologica: P - scap (Fanerofite arboree):
sono le Fanerofite (simbolo P),cioè piante perenni legnose con gemme svernanti poste ad un'altezza dal suolo maggiore di 30 cm.

Arboree (simbolo scap):cioè piante legnose con portamento arboreo.

Distribuzione geografica

Fitogeografia corologica: Asiatiche - Coltivate:
Sono quelle specie introdotte dall'uomo in un territorio diverso dal suo areale naturale,per scopi ed usi economici, ornamentali o medicinali.




ATTENZIONE !!
Usate sempre con cautela e solo su prescrizione e controllo del medico o dell’erborista.
Le proprietà e le indicazioni erboristiche delle piante sono riportate a solo titolo indicativo,e non costituiscono nessun tipo di consulto,prescrizione o ricetta medica.
Erbe.altervista.org non garantisce sulla validità dei contenuti qui riportati.
La vostra verifica indipendente è sempre raccomandata.

(1)Questi dati non vengono aggiornati e possono cambiare e subire variazioni nel tempo.
(2)Pubblico dominio